CONDIVIDI

Ricordate Rubinho? Ex portiere che ha giocato anche con la maglia di Juventus e Genoa. Adesso è svincolato e ha deciso di cambiare la sua vita.

Ha smesso col calcio. Dopo l’ultima esperienza sul rettangolo verde non è arrivata nessuna chiamata. Nessun club si è fatto avanti per portarlo a difendere la porta della propria squadra. Così, Rubinho si è messo a cercare un modo per tenersi in forma. Tra le tante alternative, ha scelto proprio la boxe. Sì, è strana l’idea di un calciatore che diventa boxer, ma è così che è andata.

Perché proprio la boxe?

Il portiere brasiliano ha un sogno: allenarsi con Mike Tyson, che è il suo idolo da sempre. Per coronarlo ha deciso di dare anima e corpo a questo nuovo sport. Rubinho ha anche rilasciato un’intervista, di recente a ‘Il Secolo XIX’:

“Il mio contratto con il Genoa è scaduto a giugno, ma voglio giocare ancora e per tenermi in allenamento mi alleno con la boxe che è sempre stata la mia grande passione. Il mio idolo era Tyson, non ha perso un solo suo combattimento, compreso quello con Holyfield”.

 

Allenamento duro

“Faccio due ore di lavoro tre volte al settimana. Diventare un pugile non è nei miei pensieri, il combattimento non fa per me, la uso per tenermi in forma, a 35 anni sono ancora giovane per smettere, a gennaio dovrei trovare una squadra: e poi devo imparare a dosare la forza dei colpi, a volte rifilo grandi sassate”.

La strana sorte di Rubinho ha voluto che, da terzo portiere della Juventus, vincesse quattro scudetti giocando appena due partite. Al Genoa ci è andato solo quando si è infortunato Perin per l’ennesima volta. Adesso, il contratto è scaduto e non ha alcuna intenzione di rimanere fermo ad aspettare una chiamata. In attesa di una proposta, si allena sul ring ed ha già un’idea per il suo futuro:

“Se in futuro farò l’allenatore dei portieri introdurrò un po’ di boxe, perché è uno sport completo: fiato, forza, aumenta la velocità delle braccia e protegge le spalle. Farebbe molto bene anche al mio caro amico Perin, sono contento sia tornato in gran forma dopo gli infortuni”.