CONDIVIDI

Il tennista serbo Novak Djokovic ha riscritto la storia di questo sport, portandosi a casa tutti i tornei del Grande Slam. Australian Open, Roland Garros, US Open ed una Coppa Davis solo per dirne alcuni. Nole infatti uno degli otto giocatori riusciti nell’impresa di centrare il Career Grand Slam, uno dei nove giocatori dell’Era Open ad aver raggiunto tutte e quattro le finali degli Slam. Tra il 2015 e il 2016 ha raggiunto 6 finali Slam consecutive (il record di finali Slam consecutive appartiene a Roger Federer, capace di raggiungerne 10 di fila tra il 2005 e il 2007). Vincendo 3 Slam poi nel 2011 è diventato il sesto tennista a vincere 3 tornei dello Slam nella stessa stagione, ripetendo l’impresa nel 2015. Ma non solo: è il tennista ad aver vinto più volte l’Australian Open, grazie ad i suoi sei trionfi, e l’unico nell’Era Open ad averlo vinto per tre anni consecutivi. Nel 2015 è diventato il primo e finora unico tennista capace di aggiudicarsi 6 tornei Masters 1000 nella stessa stagione. Risultati unici, alla portata soltanto di un campione assoluto.

MELBOURNE, AUSTRALIA – JANUARY 16: Novak Djokovic of Serbia celebrates winning his first round match against Donald Young of the United States on day two of the 2018 Australian Open at Melbourne Park on January 16, 2018 in Melbourne, Australia. (Photo by Michael Dodge/Getty Images)

Non un semplice atleta

Novak però non è semplicemente un atleta ed un campione con la racchetta tra le mani. Djokovic infatti è un credente ortodosso molto vicino alle persone meno fortunate. In Serbia infatti ha finazniato un ristorante che potesse dar da mangiare a poveri e senza tetto, senza dimenticare gli aiuti alle scuole in difficoltà delle sua “The Novak Djokovic Foundation”. Professionista generoso e dal cuore d’oro, nel 2011 espresse così l’immensa gioia di ricevere la più alta onoreficenza della Chiesa serba: “Prima di essere uno sportivo, sono un cristiano ortodosso. Questo è il titolo più importante della mia vita“.