CONDIVIDI

Sempre più spesso ci troviamo di fronte ad episodi spiacevoli in campo e sugli spalti. Insulti, lanci di oggetti, cori razzisti: i giovani sembrano circondati da pessimi esempi. In Turchia però c’è stato un episodio di fair play che ha fatto il giro del mondo, conquistando tutti. Si gioca un match di campionato Under 17, un giovane difensore del Balikesir raccoglie nella propria area di rigore la palla con le mani. Un’ingenuità grandissima, convinto però che l’arbitro avesse fermato il gioco. Il direttore di gara fischia il calcio di rigore, nessun dubbio: la palla era in gioco.

La decisione

L’Altinordu ha una grande occasione per segnare, ma decide per la correttezza. Quel calcio di rigore assegnato è stato un errore, giusto calciarlo in fallo laterale e lasciare il risultato com’era prima di quel fischio.