CONDIVIDI

Lucas Moura ha lasciato il Paris Saint-Germain in questa movimentata sessione di mercato. L’esterno brasiliano era finito anche nel mirino del Napoli, possibile alternativa di lusso a Simone Verdi. Un calciatore, però, fuori portata per i parametri economici del club partenopeo: la trattativa non è mai iniziata. Uno dei pochi prezzi pregiati che si sono mossi a gennaio, si è presentato ai nuovi tifosi appena pochi giorni fa. Il Tottenham lo ha accolto, regalandogli un giro di campo di presentazione durante la gara di Premier League con il Manchester United al Wembley Stadium di Londra.

Tottenham Hotspur’s new Brazil midfielder Lucas Moura gestures to fans on the pitch at half-time during the English Premier League football match between Tottenham Hotspur and Manchester United at Wembley Stadium in London, on January 31, 2018. / AFP PHOTO / Adrian DENNIS / RESTRICTED TO EDITORIAL USE. No use with unauthorized audio, video, data, fixture lists, club/league logos or ‘live’ services. Online in-match use limited to 75 images, no video emulation. No use in betting, games or single club/league/player publications. / (Photo credit should read ADRIAN DENNIS/AFP/Getty Images)

L’addio

Moura era ben integrato nello spogliatoio parigino, nonostante avesse poco spazio negli ultimi tempi. Il gruppo dei brasiliani era compatto: Thiago Silva, Dani Alves, Neymar. In particolare la stella ex Barcellona si è detta dispiaciuta di questo addio. Una trattativa non scaturita dall’esigenza di far cassa per rientrare nei parametri del Fair Play Finanziario, ma da motivi comportamentali. Secondo quanto riferito da Le Parisien, Lucas è stato punito dal club per aver rivelato alla stampa alcuni episodi accaduti nello spogliatoio parigino. Una volta finito sulla lista dei partenti, tanti club si sono fatti avanti ma sono stati gli Spurs a concludere l’affare. Il quotidiano francese riferisce poi che il brasiliano non era il solo: la seconda “spia” era Hatem Ben Arfa, altro calciatore ai margini del club.