CONDIVIDI

Centinaia di tifosi quest’oggi all’Old Trafford. Una funzione religiosa per celebrare il 60esimo anniversario della tragedia di Monaco. Un evento all’insegna della commozione. I tifosi inglesi hanno passato la mattinata tra lacrime e ricordi: Manchester non vuole e non può dimenticare il disastro aereo costato la vita a 23 persone, tra cui proprio otto giocatori dello United.

Le parole dei sopravvissuti

Alla cerimonia erano presenti anche due superstiti, Harry Gregg e Sir Bobby Charlton. “Per giorni mi sono chiesto perché mi fossi salvato. Mi sentivo in colpa verso quei miei cari amici che avevano perso la vita – il ricordo di Charlton -. Si è trattato solo di fortuna, ero seduto nel posto giusto. Ma quell’incubo mi accompagna da allora, e ha cambiato la mia vita”.

Le 15.04 del 6 febbraio

Quel tragico incidente avvenne alle 15.04 del 6 febbraio. All’Old Trafford è stato osservato un minuto di silenzio. Sono intervenuti anche l’attuale capitano dello United, Michael Carrick, e José Mourinho, che ha deposto una corona di fiori per le vittime. Era il 1958 quando l’aereo si schiantò a Monaco. I Busby Boys, passeggeri dell’aeroplano, il giorno prima avevano giocato una gara internazionale a Belgrado.

Tra le vittime, anche tre dirigenti dello United, otto giornalisti, due membri dell’equipaggio e due passeggeri. Numerosi i messaggi di cordoglio di ex e attuali giocatori dello United. “Non dimenticheremo mai i Busby Boys”, ha twittato l’ex Rio Ferdinand, pubblicando una foto in bianco e nero di quella squadra, ritenuta tra le più forti di sempre del calcio inglese. “La passione, la determinazione e il coraggio dimostrato dal club nel perseverare in quei terribili momenti ha lasciato un segno che resterà per sempre”, ha scritto nel suo blog il centrocampista spagnolo Juan Mata.

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore