CONDIVIDI

Federico Bernardeschi ieri sera ha sbloccato Fiorentina-Juventus, match sentitissimo contro la propria ex squadra. L’esterno nato a Carrara in estate aveva lasciato la maglia viola presentando un discusso certificato medico, non prensentadosi in ritiro e accettando l’offerta della rivale di sempre. Nel capoluogo toscano questa gara è più attesa di un derby, la sfida contro la nemica bianconera vale un intero campionato. Per questo motivo l’accoglienza riservata al calciatore non è stata positiva: insulti e cori contro un ragazzo considerato un traditore. Digerire l’addio di un calciatore simbolo non è mai facile, una situazione analoga a quella di Higuain dopo aver lasciato Napoli. Federico, proprio come Gonzalo, è tornato nel vecchio stadio ed ha segnato una rete decisiva. La miglior risposta contro gli insulti e l’atteggiamento negativo della tifoseria avversaria. Gol ed esultanza, considerata una mancanza di rispetto verso la squadra che lo ha lanciato nel calcio che conta.

Juventus’ forward Federico Bernardeschi celebrates after scoring during the italian Serie A football match Fiorentina vs Juventus at the Atemio Franchi stadium in Florence on February 9, 2018. / AFP PHOTO / FILIPPO MONTEFORTE (Photo credit should read FILIPPO MONTEFORTE/AFP/Getty Images)

Esultanza polemica

La reazione dei tifosi viola dopo la rete della Juventus è facile da immaginare: grande rabbia e delusione dopo il palo colpito ed il rigore prima assegnato e poi non concesso a causa del Var. Tutti contro Federico Bernardeschi, la sorella Gaia allora è intervenuta su Facebook in sua difesa. Ecco il post che ha scatenato ancora una nuova polemica: “Sei riuscito a trasformare i fischi in musica. Hai ballato con il pallone ai piedi… sei riuscito a zittire uno stadio sei un grande fratello!!! Cari fiorentini mi dispiace per voi ma come sempre ha dimostrato l’uomo e il calciatore che è. E ora tutti muti please stiamo godendo e non poco“.