CONDIVIDI

Michelle Hunziker, conduttrice all’ultima edizione del Festival di Sanremo 2018, è stata ospite a L’Intervista, programma di Maurizio Costanzo. La bella presentatrice ha toccato vari argomenti e non s’è tirata indietro neanche quando le scappavano le lacrime. Michelle ha anche parlato della presunta gravidanza della quale si è parlato molto soprattutto nelle ultime settimane. Ecco le sue parole a proposito: “Non sono casuali i nomi delle mie figlie: è stato un caso ma se ci pensi, dopo l’Aurora sorge il Sole nella volta Celeste. Ho già il nome per il maschietto eventuale, ma non lo dico ancora”. Poi, Maurizio Costanzo ci prova: “Se sono incinta? No, ci sto lavorando. Sono contenta così, che sia maschio o femmina non mi importa”. 

“I figli sono degli angeli”

Poi, Michelle ha parlato del rapporto con Eros Ramazzotti ed Aurora: “Abbiamo un rapporto bellissimo, pazzesco. Siamo cresciute insieme: l’ho avuta a diciannove anni. Con tutto quello che abbiamo passato, lei è stata la mia forza, la mia vera salvezza: come per tutti i genitori, i figli sono degli angeli. Quando la guardo distesa nel letto, tra me e me mi chiedo: è possibile che sia mai stata bebè questa ragazza? E’ una ragazza molto intelligente e molto sensibile. E’ in un momento in cui sta catturando tutto quello che le serve per fare la sua strada”. Una battuta anche sul fatto che Aurora sia fidanzata con Goffredo: “Lei è molto selettiva, non si fidanzava mai. Abbiamo un rapporto madre-figlia ma anche da sorelle. Capisco ancora prima di lei le sue cose. E’ molto innamorata e molto felice. In dolce attesa? Non vuole sentire parlare di questa cosa, ma sarebbe il mio sogno diventare nonna”.

Famiglia

“Per me la famiglia è tutto, l’ho capito ancora di più diventando grande. Avendola persa e essendomi allontanata, ho capito l’importanza della famiglia: non c’è niente che conti di più”. La conduttrice del Festival di Sanremo 2018 ha rivelato poi un retroscena sul suo arrivo in Italia, a Milano, dovuto alla madre: “Sono arrivata all’età di 16 anni quando mia madre si è follemente innamorata di un italiano, di Ferrara. Abbiamo vissuto qualche anno a Bologna, per poi andare a Milano. Mi arrabbiai molto perché non essendoci ancora al tempo gli accordi bilaterali Italia-Svizzera ho dovuto ricominciare le superiori: a sedici anni andavo a scuola con i ragazzi di tredici anni”. 

Le bimbe?

“Non chiedo il cambio. Sono cose da mamma. Se le bambine chiamano, mi alzo, vado al loro lettino, le coccolo, le consolo. Mi sembra giusto che abbiano il tempo di adattarsi alla vita. Erano nella pancia della mamma, tranquille. È naturale che abbiano bisogno di me, adesso che sono al mondo”.

Il padre alcolista

 

Il papà ha condizionato la sua vita, in un certo senso. Aveva il vizio dell’alcol e Michelle non lo nasconde durante l’intervista: “L’ho capito quasi subito perché lui si trasformava e gli prendeva male, si arrabbiava, spaccava le cose in casa però io da bambina sono sempre riuscita, fino a una certa età, a scindere le cose cioè io volevo vedere solo la parte bella di mio papà e facevo finta che non esistesse il rest”.