CONDIVIDI

Whatsapp è in continuo movimento, il pensiero è sempre al futuro. Si cerca sempre la novità: i gruppi saranno potenziati con mini giochi per i membri e presenteranno una descrizione. In questo modo sarà più chiaro l’argomento principale della chat collettiva e sarà visualizzata sia come apposita tab sia come messaggio appena entrati nel gruppo. Tanti interrogativi riguardo questa indiscrezioni, per il momento sembra che questa descrizione sarà modificabile da qualsiasi membro e non solo dagli amministratori. Disponibile sulla beta 2.18-54 per Android (e per la 2.1828 di Windows Phone), questa descrizione trasformerà sempre più Whatsapp in una sorta di social network. L’applicazione riesce ormai a far tutto: foto, video, chiamate, videochiamate e ovviamente messaggi. E’ possibile inoltre scambiarsi documenti ed in futuro potrà essere utilizzato per pagare.

Tornano i trilli

A picture taken on December 28, 2016 in Paris shows the logo of WhatsApp mobile messaging service. / AFP PHOTO / Lionel BONAVENTURE (Photo credit should read LIONEL BONAVENTURE/AFP/Getty Images)

Il reporter americano Gary Cockburn ha svelato che l’app potrebbe riaccogliere una funzione ormai dimenticata da tanti. Parliamo dei trilli, un avviso sotto forma di scossa reso famoso da MSN. Nei primi anni 2000 non c’era persona che non utilizzasse la piattaforma Windows per chattare con i propri amici. Grazie ad un trillo era possibile attirare l’attenzione del proprio interlocutore. Questa è l’idea di Mark Zuckerberg: richiamare chi ignora il messaggio ricevuto. L’idea potrebbe approdare su Whatsapp ad aprile e, almeno all’inizio, non sarà una funziona disattivabile. La notizia positiva è la seguente: il trillo potrà essere indirizzato soltanto a chi è online, i primi test sono già operativi. Nei prossimi mesi, dunque, potrà tornare uno degli avvisi più amati ed odiati della storia dei social e delle chat internet. Le persone impazienti di ricevere una risposta ai propri messaggi possono gioire, è soltanto questione di tempo. Nel caso infine la vostra app occupi troppo spazio, ecco una speciale guida per liberare memoria nei modi migliori.