CONDIVIDI

Con l’ultima versione Beta per Android (2.18.57), Whatsapp introduce importanti novità che potrebbero cambiare radicalmente l’uso che si fa dell’applicazione. L’aggiornamento riguarda in particolar modo la licenza d’uso, una modifica che nonostante non faccia esplicito riferimento ai contenuti sponsorizzati sembrerebbe anticiparne l’introduzione a breve all’interno della piattaforma. Nei prossimi giorni potremmo assistere ad una vera e propria rivoluzione per quanto riguarda il servizio di messaggistica istantanea offerto da whatsapp. In pratica, ci dovrebbe essere un’interazione maggiore con quelli che sono i contenuti di Facebook (anch’essa proprietà di Menlo Park), social network dal quale potrebbero essere prelevati banner o altro advertising erogabili da attività commerciali. Whatsapp, dunque, non riceverebbe il supporto nativo alla pubblicità, ma più propriamente un canale per le comunicazioni promozionali.

Un nuovo sistema per il commercio online

Questa innovazione potrebbe essere sfruttata, tra l’altro, per generare conversazioni di carattere commerciale a partire dalle pagine Facebook, magari attraverso WhatsApp in versione Business, o per mostrare agli utenti della chat dei banner pubblicitari in stile Adsense mentre usano l’applicazione. Questa modifica dovrà essere comunicata nella licenza d’uso all’interno della quale si farebbe riferimento ad una maggiore condivisione di informazioni tra Facebook e WhatsApp. Tra i dati che potrebbero essere condivisi, per esempio: la posizione, la versione utilizzata del sistema operativo, l’identificativo e il recapito telefonico.

Con molta probabilità, gli utenti potranno anche scegliere se avere o meno questo tipo di contenuti sul proprio smartphone. Insomma, si tratta di privacy. Gli utenti devono pur avere la facoltà di decidere se condividere certe informazioni personali oppure no. WhatsApp appare comunque intenzionata a percorrere la strada della monetizzazione passando per i potenziali introiti dell’advertising, quindi è lecito attendersi ulteriori novità in merito.