CONDIVIDI

Grande giornata di Coppa Italia, oggi si conosceranno i nomi delle due squadre finaliste del torneo. Questa edizione ha regalato emozioni e qualche sorpresa: nel pomeriggio Juventus-Atalanta, in serata Lazio-Milan. I bianconeri partono da una vittoria fuori casa per 1-0 all’andata, mentre la sfida tra capitolini e rossoneri è tutta da decidere. Il pareggio a reti inviolate a San Siro sembra favorire il Milan: basterà un pareggio con gol alla squadra di Gattuso per strappare il pass per la finale. I biancocelesti di Simone Inzaghi, però, non vogliono deludere il proprio pubblico. Terzo posto in Serie A, lotta Champions apertissima, presente agli ottavi di finale di Europa League e stasera la possibilità di gareggiare per la vittoria finale della Coppa Italia. Una stagione davvero niente male, coronata dalla pioggia di gol messa a segno da Ciro Immobile.

I rossoneri già all’opera

I ragazzi di Gennaro Gattuso appena tre giorni fa hanno battuto la Roma proprio nella cornice dell’Olimpico. La decisione di staff e club è stata quella di restare nella capitale, evitando così viaggi a distanza di poche ore. La neve degli scorsi giorni ha paralizzato la città: annullati gli allenamenti, impossibile recarsi in un centro sportivo. Mister Gattuso, però, non è uno a cui piace restar fermo. Via agli allenamenti in hotel, una location ‘insolita’. Questa mattina il programma non è cambiato: tutti in stanza per il riscaldamento.

Limbering up in Rome! 🆙 #LazioMilan #TIMCup

A post shared by AC Milan (@acmilan) on

Innaccettabile arrivare impreparati ad una gara importante come Lazio-Milan. L’accesso alla finale e l’eventuale vittoria della Coppa Italia sarebbero la ciliegina sulla torta di una stagione capovolta dopo l’addio di Vincenzo Montella. La squadra mostra finalmente grinta e personalità, caratteristiche che hanno fatto la fortuna di Gattuso giocatore. Grande lavoro, ma anche grandi soddisfazioni: la mentalità è cambiata rispetto ad alcuni mesi fa. I calciatori non hanno dubbi: il cambio è stato necessario, sotto la precedente guida tecnica non si lavorava abbastanza per affrontare al meglio le gare.