CONDIVIDI

Maurizio Sarri non vincerà mai il premio Nobel per la comunicazione, questo è certo. Tuttavia, si può dire che il mister sappia fare alla grande il suo mestiere, ovvero allenare i calciatori e farli rendere al meglio. Il Napoli, in effetti, in campo fa faville. La società, però, non fa altrettanto per via di qualche uscita ‘fuori misura’ da parte del mister. Il tecnico ha un carattere abbastanza sanguigno e non sempre riesce a tenere a bada la lingua. Ultimamente, si è lasciato andare a qualche parole che è stata etichettata come ‘sessista’ nei confronti della giornalista di Canale 21, Titti Improta. “Sei un donna e pure carina, per questo non ti mando a fare in…”. Non il massimo dell’eleganza. Chissà, forse il mister voleva semplicemente farle un complimento ma i suoi modi burberi hanno reso tutto abbastanza imbarazzante. La malcapitata Titti – che in effetti è veramente molto carina – aveva semplicemente chiesto se il Napoli potesse ancora credere nello scudetto malgrado i due risultati ‘negativi’.

Il commento di Cruciani

Difendo Sarri al 100%. Non possiamo pretendere che gli allenatori siano dei robot, era nervoso per la partita. Il sessismo non esiste e non credo nemmeno che ci sia un’offesa nei confronti della donna. Al limite si dovrebbero offendere le donne brutte. Non ha detto niente di male, non ha preso il forcone in mano e l’ha inseguita per la sala stampa”. Improta ha risposto“L’equivoco si è creato nella premessa. Ci tengo a precisare una cosa, se mi chiedete se Sarri sia sessista oppure omofobo, io dico no! E’ stata un’uscita maleducata, usando termini inappropriati”. Questo il siparietto che abbiamo potuto registrare durante la puntata di lunedì 12 marzo di Tiki Taka. Cruciani, tifoso sfegatato della Juventus, si è sempre espresso in modo negativo per qualsiasi vicenda legata al Napoli. Stavolta, però, ha voluto difendere il tecnico azzurro a spada tratta.