CONDIVIDI

Arsenal-Milan era stata sbloccata nel migliore dei modi dal turco Hakan Calhanoglu. Una conclusione di collo esterno che si insacca per lo 0-1: i rossoneri dimostrano da subito di voler fare una gara diversa rispetto all’andata. Non una prestazione timorosa come al San Siro, ma una gara decisa e propositiva. L’impresa non sarebbe stata facile, ma l’obiettivo non poteva essere lasciato lì. I quarti di finale andavano rincorsi fino alla fine, bisognava lottare e dare l’anima in campo. Il tecnico Gennaro Gattuso era stato chiarissimo: si può perdere, ma non si può mollare. 35 minuti e Milan in vantaggio, sembra il primo tempo perfetto per cercare la seconda rete dopo l’intervallo. Appena quattro minuti dopo, però, l’assistente di porta comunica al direttore di gara che la pressione di Rodriguez è stata fallosa su Welbeck. Il contatto sembra non esserci, i tifosi sui social scatenano l’inferno tra rabbia ed ironia.

L’errore di Gigio

Un rigore fin troppo generoso concesso agli inglesi, a cui a venti minuti dal termine si aggiunge un altro regalo: un clamoroso errore di Gigio Donnarumma. Granit Xhaka firma il 2-1 in Arsenal-Milan e condanna i rossoneri. I tifosi presenti all’Emirates non smettono mai di incitare i propri beniamini, ma sui social le critiche al numero 99 non mancano. Nonostante il 3-1 finale, i rossoneri di Gattuso questa sera hanno dimostrato l’ottimo momento di forma. Resta il grande rimpianto, però, di non aver giocato la gara d’andata in un San Siro tutto esaurito al massimo delle proprie possibilità.