CONDIVIDI

Il centrocampista del Betis, Andrés Guardado, vuole uscire dal tunnel in cui è stato spinto da una fake news. Una fake news che raccontava della sua morte: sì, avete capito bene. L’avevano dato per morto, ma lui invece è vivo e vegeto. E l’ha scritto in un post su Instagram: “Vivito y cabeceando”. Sono vivo: eccomi che provo un colpo di testa. Questo il commento che ha accompagnato la foto pubblicata sui social per specificare che fosse vivo. Andrés Guardado è un centrocampista che ha militato anche in Champions con la maglia del Psv e che ammireremo al Mondiale in Russia con la maglia del Messico. Insomma, non un episodio piacevole per il calciatore che all’improvviso si è ritrovato su molti quotidiani che lo spacciavano per morto.

La denuncia

“Voglio denunciare questo tipo di atti e le persone che attraverso una rete, per divertimento o altro, forniscono false informazioni senza conoscere il danno che possono arrecare alle famiglie e a tutte le persone che mi circondano – scriveva su Instagram prima di rimuovere il post -. Penso sia una mancanza di responsabilità, di sensibilità e di senso dell’umorismo per non dire altro. Per favore, pensate di più alle persone coinvolte e al danno che tali notizie possono causare!”. Una notizia falsa che nasceva proprio a pochi giorni dalla morte di Astori e da quella del croato Bruno Boban. Insomma, molto probabilmente un tentativo di fare soldi pubblicando notizie infondate e sfruttando il momento. Poco carino, no?

Vivito y cabeceando! 🤪😂🇲🇽⚽️💪🏻 #soymexico

A post shared by Andres guardado (@andresgua18) on