CONDIVIDI

Belen Rodriguez oggi vive una vita felice con il figlio Santiago, il fidanzato Andrea Iannone ed una famiglia a cui tiene più di ogni altra cosa. Showgirl di successo, ma il passato non è stato facile: l’argentina è tornata ai microfoni del settimanale In Famiglia su un doloroso episodio della sua adolescenza.

Argentinian model Belen Rodriguez poses on the red carpet before the premiere of “Arrival” presented in competition at the 73rd Venice Film Festival on September 1, 2016 at Venice Lido. / AFP PHOTO / TIZIANA FABI (Photo credit should read TIZIANA FABI/AFP/Getty Images)

Racconto shock

Belen ha raccontato infatti del sequestro subìto assieme alla sua famiglia: “C’era tantissima criminalità per strada, si doveva stare attenti. Una sera alle nove stavo tornando in auto con una persona, un uomo dal viso coperto si avvicinò con la pistola in mano. Fui presa per i capelli, tirata e gettata a terra. Altri tre uomini poi hanno portato in casa e chiuso me e la mia famiglia a chiave nel bagno. Casa nostra fu svaligiata senza pietà, hanno portato via tutto e distrutto la nostra vita. Il giorno dopo lo dicemmo a mio nonno, morì di infarto. E’ stato un inferno, ero una ragazzina che aveva visto la morte in faccia. Non volevo più stare a casa da sola”.