CONDIVIDI

Whatsapp potrebbe essere vietato ai bambini di età inferiore di a 16 anni. Una forte limitazione che, stando a quanto riporta il sempre ben informato sito WABetaInfo, l’app verde potrebbe diventare inaccessibile ai ragazzi che non hanno ancora raggiunto il sedicesimo anno d’età. Una novità che potrebbe essere ben accolta dai genitori di tutto il mondo. Sappiamo bene che i social sono molto pericolosi per i ragazzini e spesso sarebbe meglio tenerli lontani da certe ‘trappole’.

Nuovo regolamento

È molto probabile che avvenga davvero, come per molte altre applicazioni e chat, per allinearsi al Gdpr, il nuovo regolamento generale europeo per la protezione dei dati personali che entrerà definitivamente in vigore il prossimo 25 maggio, dopo una lunga fase di transizione. I ragazzi dovranno aspettare di compiere sedici anni per registrarsi all’app. Una forte limitazione che potrebbe far perdere molti utenti a Whatsapp. Tuttavia, il rovescio della medaglia porterebbe ad un mondo meno pericoloso per i bambini del futuro. E non solo: perché la minaccia non è rappresentata solo dai malintenzionati che cercano di adescarli per secondi fini. Un’altra significativa minaccia è anche quella di avere sempre più minorenni ‘annoiati’ ed ‘asociali’. Già, perché per quanto possano essere ‘connessi’ ai social, i ragazzini limitano i rapporti interpersonali con familiari ed amici proprio per via degli smartphone.

Così, forse potremmo cominciare ad immaginare un mondo con bambini che tornano a giocare per strada. Magari col pallone, come si faceva una volta. E magari proprio col supersantos che potrebbe tornare di moda a distanza di anni ed anni.