CONDIVIDI

L’Italia non sarà presente ai prossimi Mondiali. Già, purtroppo è andata così. Ma ci saranno comunque tutti i presupposti per godersi lo spettacolo che garantiranno tutte le stelle del calcio che scenderanno in campo. Non solo, perché al seguito dei calciatori, come sappiamo, ci sono le rispettive moglie che affolleranno le tribune. Beh, quest’ultimo passaggio non è più poi così scontato: a quanto pare, la FA non vuole più le wags ad accompagnare i calciatori per i Mondiali di Russia 2018.

Divieti e restrizioni

Ebbene, sì. Probabilmente, il pubblico italiano non potrà neanche più ammirare le donne in tribuna. Niente Italia, niente donne… che vita è questa? Stando alle ultime indiscrezioni, le compagne, fidanzate e mogli dei calciatori della nazionale inglese stanno anche già sollevando delle polemiche per questo. Lo riporta il Sun: la FA avrebbe deciso di non pagare le spese alle Wags dei calciatori impegnati in Russia. In pratica, hanno deciso di “chiudere i rubinetti” per evitare ogni tipo di distrazione ai propri calciatori. A quanto pare, mogli e fidanzate non potranno neanche vedere i partners non solo nel giorno della partita, ma anche in quelli precedenti e successivi.

Niente distrazioni

Gli uomini di Southgate devono essere blindati e lontani, lontanissimi dalle distrazioni di sesso femminile. Le loro famiglie saranno costrette a soggiornare addirittura in hotel diversi e distanti da quello della squadra. Una decisione che ha del clamoroso e che ha già suscitato parecchio dissenso tra i calciatori e le proprie famiglie. Facendo un po’ di conti, le Wags dovrebbero spendere una cifra complessiva vicina ai 12mila euro per poter vivere i Mondiali al seguito dei loro compagni calciatori. Siamo sicuri convenga così tanto fare il calciatore della Nazionale inglese?