CONDIVIDI

La Champions League è finita. Per la Roma, per il calcio italiano. Dopo l’eliminazione dei giallorossi che, comunque, hanno vinto per 4-2 contro il Liverpool, i tifosi non potranno più seguire squadra italiane nella competizione più importante d’Europa. I giallorossi hanno creduto fortemente nella rimonta e a dimostrarlo è stato il grande entusiasmo dei tifosi ma anche di ex e addetti ai lavori.

Anche Riise all’Olimpico

E’ stata una partita emozionante. Tanti capovolgimenti di fronte e tanti gol, i giocatori hanno dato il massimo da entrambi i lati. A Roma, per l’evento, c’era anche John Arne Riise, che ha indossato entrambe le maglie nella sua carriera. Il norvegese non ha resistito ed ha raggiunto la capitale per assistere a un match che avrebbe scritto la storia. L’ex numero 17 giallorosso si è regalato una passeggiata nel centro di Roma, a tu per tu con i centurioni: “Non voleva che tifassi per entrambe le squadre stasera”, queste le parole di Riise su Twitter che ha postato una foto in posa con il soldato che faceva finta di minacciarlo con la spada.

Niente minacce, ovviamente, si tratta di un gesto scherzoso che tuttavia non ha portato fortuna ai giallorossi. Bastava un gol, soltanto un gol in più e oggi avremmo potuto parlare di ben altro. Purtroppo, non sempre il calcio regala gioie.

Con Totti

John Arne Riise e Francesco Totti: si sono ritrovati. L’ultima volta i due erano in campo insieme, oggi invece non hanno più la maglietta, ma sono in giacca e cravatta. L’ex terzino – che ha giocato sia nel Liverpool che nella Roma – ha incontrato lo storico capitano romanista a bordocampo, ridendo e scherzando. Poi, ha pubblicato una foto su Twitter: “Con il grande Capitano prima della partita!“.