CONDIVIDI

Chi vede Cristiano Ronaldo giocare al Real Madrid non immagina che ci sia stata la possibilità che lui neanche nascesse.
Infatti la madre di Ronaldo, María Dolores de los Santos Aveiro di 63 anni, racconta con le lacrime agli occhi ma con il cuore pieno di gioia che ha resistito all’idea di abortire suo figlio.
Cristiano Ronaldo con il procuratore mendez e sua mamma
Oggi si impegna a far capire alle madri che si trovano nella stessa condizione che ci sono altre opzioni migliori all’aborto. Maria Dolores in questi giorni si trova a San Paolo (Brasile) per presentare il suo libro autobiografico “Madre Coraje” (Madre Coraggio) in cui racconta, per l’appunto, la sua vita.
Dolores ha ammesso di aver cercato di interrompere la sua gravidanza: “All’epoca ero in condizioni difficili: avevo circa 30 anni e tre figli, non mi sembrava il caso di affrontare un nuovo parto e di allargare ancor di più la famiglia, così mi rivolsi a un dottore”. In quale, però, l’ha convinta a proseguire la gravidanza perchè la nascita di questo figlio “ti porterà molta gioia” “Tornai a casa triste, non avrei mai pensato che questo bambino diventasse la persona che è oggi, fortunatamente mi sono convinta che questo bambino era un dono di Dio, che io dovevo ricevere” Oggi Maria Dolores vuole trasformare la sua esperienza in uno strumento per far capire alle donne che ci sono altre possibilità oltre all’aborto: “Ora voglio dire, a tutte le donne che rimangono incinte e si trovano nelle stesse difficoltà nelle quali mi sono trovata anch’io, a combattere, a non incrociare le braccia, perché la gente non saprà mai la gioia che quel figlio ci darà”