CONDIVIDI

Finisce l’avventura di Roberto Stellone sulla panchina del Palermo. Il tecnico del club siciliano è stato esonerato poco fa, come da annuncio della stessa società rosanero: «Il Palermo – si legge su una nota ufficiale del club – comunica di aver sollevato dall’incarico l’allenatore Roberto Stellone ed il suo staff, a cui va il ringraziamento per il lavoro svolto. La guida tecnica della Prima Squadra è temporaneamente affidata all’allenatore della Primavera Giuseppe Scurto, che questo pomeriggio dirigerà la seduta d’allenamento insieme al preparatore dei portieri Vincenzo Sicignano». La notizia del licenziamento imminente di Stellone era già nell’aria da ieri sera, dopo che il Palermo aveva pareggiato la gara contro il Padova, e oggi è arrivata l’ufficialità. Erano molti quelli convinti che alla fine il presidente siciliano, Rino Foschi, potesse confermare ancora Stellone sulla panchina, ma evidentemente la notte ha portato consigli, in questo caso, negativi per il 41enne tecnico nato a Roma. Foschi, come ricorda l’edizione online de La Gazzetta dello Sport, si era già fatto sentire negli spogliatoi subito dopo il match, ed aveva poi imposto alla squadra il silenzio stampa.

ROBERTO STELLONE, UFFICIALE L’ESONERO DAL PALERMO

Una stagione travagliata quella del Palermo, con Stellone che aveva preso il posto di Tedino a quattro giornate dalla fine del campionato scorso, ed ora costretto a lasciare il suo posto a esattamente quattro turni dalla fine del campionato. Per la sostituzione si faceva il nome proprio di Tedino, ancora sotto contratto con i siciliani, ma alla fine pare averla spuntata Delio Rossi, il cui arrivo ufficiale è atteso per la serata di oggi. Un pareggio quindi fatale quello del Palermo con il Padova, visto che i rosanero stanno lottando per i vertici del campionato (sono a -6 dal Brescia primo in classifica, e a 3 punti dal Lecce secondo), mentre i padovani sono ultimissimi a quota 26 punti. Stellone paga, oltre ai risultati, anche alcune divergenze con il presidente Foschi, a seguito di alcune scelte tattiche che non sono state ritenute all’altezza. Per quanto riguarda Delio Rossi, si tratta di un ritorno dell’allenatore riminise al Barbera, lui che aveva già allenato il Palermo in due occasioni, leggasi nel 2009 e nel 2011, in entrambi i casi sotto la presidenza dell’ex Maurizio Zamparini. Due stagioni esaltanti quelle di Rossi, culminate con la finalissima di Coppa Italia persa però contro l’Inter. Una sfida molto interessante per lo stesso Rossi che ora dovrà cercare di riuscire nella nuova impresa: la promozione diretta in Serie A.

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore