CONDIVIDI

Dries Mertens come Maradona. Fermi, non saltate sulla sedie, semplicemente l’attaccante della nazionale belga in forza al Napoli ha eguagliato il numero di reti in azzurro del mito argentino. Oggi, con il suo gol in occasione della sfida contro il Frosinone, lunch match della 34esima giornata di Serie A, l’ex PSV di Eindhoven ha raggiunto quota 81 gol, un traguardo storico perché permette appunto allo stesso Mertens di eguagliare l’ex numero dieci del club campano. E Mertens ha tagliato questo prestigioso traguardo proprio “alla Maradona”, segnando una splendida punizione da distanza ravvicinata, la rete del momentaneo zero a uno della gara ciociara. «Un onore avere qualcosa in comune con il numero 1 al Mondo – le parole di “Ciro” Mertens al termine della gara contro il Frosinone – Diego Armando Maradona, simbolo di Napoli e della napoletanità. È molto bello questo traguardo – ha proseguito il belga – ma oggi contavano i tre punti. Potevo anche superarlo? Il portiere ha fatto la scelta giusta». Un record raggiunto che è stato celebrato sui social con uno splendido fotomontaggio in cui si vede proprio Maradona con la casacca dei partenopei, portare sulle spalle Mertens.

Maradona e Mertens, fotomontaggio
Maradona e Mertens (Ig)

DRIES MERTENS COME MARADONA

«E’ molto bello aver eguagliato Maradona, ma oggi contavano i tre punti – ha detto Mertens a fine partita in tv dopo la vittoria del Napoli contro il Frosinone – anche con l’Atalanta abbiamo fatto bene, sbagliando tante occasioni ma creando. Oggi finalmente abbiamo vinto. Gol sbagliato alla fine? C’è stato un bel passaggio di Callejon, purtroppo il portiere ha fatto la scelta giusta». Inevitabile non parlare del futuro, alla luce del contratto in scadenza al 30 giugno del 2020, fra poco più di una stagione. A riguardo il giocatore di Leuven non fa chiarezza: «Ho ancora un anno di contratto, mi piace giocare qui ma vediamo cosa vuole fare la società. I tifosi devono capire che stiamo dando tutto per questa maglia. Siamo forti, vedo un futuro del Napoli molto bello». Un’altra stagione ad alto livello quella del 31enne belga, che fino ad oggi, in 31 gare di Serie A in cui è sceso in campo, ha segnato 13 marcature con l’aggiunta di 10 assist, a conferma di quanto importante sia il suo apporto nelle meccaniche di gioco azzurre. A completare lo score, tre reti in sei match in Champions League, e due assist in cinque partite di Europa League per un bilancio che recita 16 gol e 12 passaggi vincenti in 44 partite: numeri senza dubbio da incorniciare.

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore