CONDIVIDI
Ruben Dias, Benfica
Ruben Dias (Getty)

Ruben Dias e Federico Chiesa, sono questi i due obiettivi prioritari della Juventus per il calciomercato della prossima estate. Archiviata definitivamente la stagione, con l’ottavo scudetto consecutivo e con l’amarezza per l’eliminazione dalla Champions League per mano dell’Ajax, in quel di Torino si inizia a programmare seriamente il campionato 2019-2020. Obiettivo della Vecchia Signora, conquistare il nono scudetto consecutivo per avvicinarsi sempre più al traguardo mitologico dei dieci campionati vinti consecutivamente, e nel contempo, tentare nuovamente di riportare in Piemonte la coppa dalle grandi orecchie. La dirigenza è convinta che bisognerà cambiare qualcosa nella rosa attuale, e due sembrerebbero le zone che necessitano maggiormente di ritocchi: la difesa e l’attacco. Per quanto riguarda la retroguardia, bisognerà fare i conti con l’addio di Andrea Barzagli, che appenderà le scarpe al chiodo dopo anni di onorata carriera, e la possibile partenza di Caceres oltre all’età di Chiellini che avanza. Il nome caldo, stando a quanto riferito da Record in queste ultime ore, sarebbe quello di Ruben Dias, gioiello classe 1997 della nazionale portoghese e di proprietà del Benfica, pronto a vivere un’esperienza in una big.

JUVENTUS, RUBEN DIAS E CHIESA: OPERAZIONE DA 130 MILIONI DI EURO

A favorire l’eventuale operazione sarebbe Jorge Mendes, il procuratore più potente al mondo nonchè agente di Cristiano Ronaldo, anche se le richieste dei lusitani sono pari a 60 milioni di euro, quanto scritto nella clausola rescissoria: una cifra che la dirigenza bianconera sta provando a limare. Il secondo nome caldissimo è quello di Federico Chiesa, il giocatore individuato dai vertici della Continassa per migliorare il reparto più avanzato. Davanti c’è un problema evidente, visto che al di là dell’intoccabile Cristiano Ronaldo, e della buona stagione di Mandzukic e Bernardeschi, gli altri hanno un po’ latitato, a cominciare da Dybala e da Douglas Costa. Dei due non è da escludere una partenza dell’argentino, che ha molto mercato e dalla cui partenza la Juventus potrebbe ottenere almeno un centinaio di milioni di euro, soldi che la stessa Signora girerebbe, in parte, alla Fiorentina per acquistare il figlio d’arte. La richiesta della Viola è di 70 milioni di euro, e nell’affare potrebbe essere inserita qualche contropartita tecnica come ad esempio Orsolini, al momento in prestito a Bologna e reduce da un’ottima stagione. La concorrenza per Chiesa è altissima, a cominciare da Inter e Napoli, ma la Juventus è conscia di essere in pole position per qualsiasi operazione di Serie A, e di conseguenza non sembrerebbe temere più di tanti i suoi rivali. Diverso invece il discorso nel caso in cui arrivassero proposte dall’estero.