CONDIVIDI
Aereo Aeroflot (Web)

41 persone sono morte nella giornata di ieri, domenica 5 maggio, sul >Superjet-100 Sukhoi della compagnia aerea di bandiera russa, Aeroflot. Il velivolo ha preso fuoco durante un atterraggio di emergenza presso l’aeroporto di Mosca di Sheremetevo: il pilota di volo ha tentato un primo atterraggio, invano, e al secondo passaggio l’aereo si è completamente incendiato. 41 delle 78 persone a bordo hanno perso la vita fra cui anche due bambini. Il giorno dopo la tragedia, una delle più gravi negli ultimi anni in Russia, è scoppiata la polemica visto che pare che vi sarebbero stati dei ritardi nell’evacuazione dello stesso aereo. Eppure, Maksim Fetisov, il portavoce della compagnia aerea, ha spiegato che il tutto è avvenuto nei tempi prestabiliti, esattamente in 55 secondi.

DISASTRO AEROFLOT: LA VERSIONE DI UN’HOSTESS

Sui media russi è apparsa anche il racconto di Tatiana Kasatkina, assistente di volo, che ha spiegato che quando l’aereo era ancora in volo e stava per atterrare, i passeggeri gridavano e chiamavano i parenti, urlavano che l’aereo era in fiamme e stava cadendo. La gente avrebbe quindi iniziato ad alzarsi dai sedili dirigendosi verso l’uscita senza evidentemente ascoltare le indicazioni del personale di volo. Secondo la Kasatkina, quindi, difficile che l’evacuazione sia avvenuta in maniera regolare, ordinata e in pochi secondi, anche se solo l’indagine in corso accerterà eventuali negligenze e responsabilità. La stessa hostess ha spiegato che un fulmine ha colpito l’aereo mentre questo era ancora in volo, causando dei problemi di comunicazione: «Non c’erano fiamme all’interno dell’aereo, ma le finestre cominciavano a sciogliersi ancora prima che il mezzo si fermasse».

COSA E’ ACCADUTO ESATTAMENTE?

Difficile ricostruire con esattezza quanto accaduto fatto sta che dai numerosi video diffusi in rete si vede il velivolo che nella fase di atterraggio è saltato più volte sulla pista per poi prendere fuoco. Al momento le autorità russe non hanno deciso di sospendere i voli dell’SSJ-100, così come accaduto settimane fa con il Boeing 737 Max, di conseguenza è più probabile che il disastro sia stato causato da un errore umano o accidentale, e non da un difetto dello stesso aereo. Non è comunque il primo incidente riguardante quel modello di Sukhoi, visto che già 7 anni fa, il 9 maggio del 2012, lo stesso aereo subì un problema in occasione di un volo dimostrativo sul monte Salak. Secondo il rapporto finale pubblicato a dicembre del 2012, fu un errore dei piloti, ma furono molti a sollevare seri dubbi. «E’ stata creata una commissione per indagare sulle cause delle circostanze dell’incedente», ha fatto sapere l’Aeroflot. Di seguito il video di quanto accaduto

IL VIDEO DELL’AEREO INCENDIATO

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore