CONDIVIDI
La saracinesca danneggiata (web)

Esplosione presso la sede degli Irriducibili Lazio, gruppo di ultras della compagine biancoceleste. In base alle ultime indiscrezioni riportate dai quotidiani, a cominciare dall’edizione online de Il Messaggero, un ordigno, molto probabilmente di fabbricazione artigianale, è stato fatto esplodere nella notte fra domenica 5 e lunedì 6 maggio, di fronte alla sede dei tifosi laziali all’Appio Tuscolano, attorno alle ore 4:00 in via Amulio a Roma. Fortunatamente a quell’ora non passava nessuno per le strade, ne tanto meno vi era qualcuno all’interno dei locali, di conseguenza l’esplosione ha creato solamente dei danni “marginali”, distruggendo le saracinesche dei locali vicini. Una volta che è stato lanciato l’allarme, le forze dell’ordine si sono recate sul posto, e sono intervenuti gli uomini del Commissariato Appio di Polizia. Gli agenti, giunti tempestivamente presso la sede della tifoseria della Curva Nord della Lazio, hanno trovato la serranda danneggiata, annerita e divelta nella parte inferiore, a causa appunto della forte esplosione.

IRRIDUCIBILI LAZIO, APERTA INDAGINE

Subito è scattata l’indagine al momento contro ignoti, e gli inquirenti stanno cercando di capire prima di tutto il tipo di ordigno usato, se una bomba carta, un petardo o altro materiale, anche se è da escludere quasi totalmente che si sia trattato di un esplosivo militare. Sul posto si è recata anche la scientifica e in seguito gli investigatori della Digos per tutti i rilievi del caso. Le indagini sono affidate agli investigatori della Polizia di stato e al momento nessuna pista è stata esclusa, a cominciare da quella della ritorsione. Gli agenti hanno sequestrato alcuni filmati delle telecamere di videosorveglianza della zona, da cui si cercherà di capire chi ha piazzata la bomba e a che ora. Difficile invece risalire a qualche testimone oculare vista la tarda ora.

LO STRISCIONE PRO MUSSOLINI

Negli scorsi giorni gli Irriducibili della Lazio, noti per le loro idee politiche di estrema destra, erano saliti alla ribalta della cronaca per via di uno striscione choc esposto in pieno centro a Milano. In occasione della semifinale di ritorno di Coppa Italia fra Milan e Lazio (conclusasi con il risultato di una rete a zero in favore degli ospiti biancocelesti), alcuni ultras avevano srotolato un telone bianco con la scritta “Onore a Benito Mussolini”. Un episodio avvenuto in pieno giorno, di fronte allo stupore dei passanti, e nei pressi di piazzale Loreto, dove il Duce venne giustiziato e appeso a testa giù alla fine della seconda guerra mondiale. Per lo striscione incriminato, il questore di Milano, Sergio Bracco, ha emessi 8 daspo nei confronti di altrettanti tifosi della Lazio.

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore