CONDIVIDI
SOUTHAMPTON, ENGLAND – APRIL 14: Antonio Conte, Manager of Chelsea looks on prior to the Premier League match between Southampton and Chelsea at St Mary’s Stadium on April 14, 2018 in Southampton, England. (Photo by Warren Little/Getty Images)

La Roma pareggia la sfida contro il Genoa al Marassi, allontanandosi ulteriormente dal quarto posto e dalla prossima Champions League. In virtù della bella vittoria di ieri dell’Atalanta contro la Lazio, i giallorossi sono al momento quinti, a quota 59, a tre punti di distanza dai bergamaschi. La Roma dovrà affrontare Juventus, Parma e Sassuolo, tre sfide non semplici, a cominciare dalla prima, e di conseguenza sembrerebbero davvero misere le possibilità che la Lupa riesca a strappare il pass per la prossima coppa dalle grandi orecchie. Una Roma, quella scesa in campo ieri sera a Genova, che si è praticamente buttata via da sola, capace di dominare dal primo al novantesimo di gioco, e di segnare anche una rete, con El Shaarawy, l’undicesimo gol personale in stagione. Peccato però che al 91esimo sia giunto il colpo di testa di Romero che ha fatto ammutolire i tifosi capitolini allo stadio e a casa.

ROMA, IL COMMENTO DI RANIERI

«Sono stati bravi loro a non mollare mai – le parole di mister Claudio Ranieri nella conferenza stampa post-gara – sapevamo sarebbe stata una partita difficilissima e che saremmo andati contro un ‘muro’, con loro bravi a ripiegare e a ripartire in contropiede. Peccato, i tre punti ci servivano – aggiunge – però non molliamo. È dura, siamo riusciti a raddrizzare una situazione problematica, ma lottiamo fino alla fine e siamo in corsa». E in casa Roma già si parla di rivoluzione, a cominciare proprio dalla panchina. Ranieri ha ben poche colpe, avendo preso una squadra ferita in corso d’opera, ma per la prossima stagione l’idea della dirigenza è di assicurarsi un coach di primissimo livello.

CONTE E RIVOLUZIONE

Al di là delle voci più o meno veritiere riguardanti Josè Mourinho, circolanti negli scorsi giorni sulla stampa francese, il primo nome in lista rimane quello di Antonio Conte. L’ex commissario tecnico della nazionale italiana, nonché ex allenatore del Chelsea, è il preferito del tifo romanista che attende con ansia la fine di una stagione decisamente negativa. E assieme al salentino potrebbe scattare anche una rivoluzione negli spogliatoi, con numerosi calciatori che sembrerebbe essere vicini alla fine della loro avventura in giallorosso, a cominciare da Perotti, Olsen, Schick (clamoroso flop di mercato) e molto probabilmente anche Dzeko, mai realmente incisivo quest’anno. Si ripartirà invece da alcune certezze come Pellegrini, Under, El Shaarawy e soprattutto Zaniolo. Basterà a Conte per ripartire con grinta e determinazione alla conquista del quarto posto? Difficile dirlo, ma i supporters della Lupa ci sperano…