CONDIVIDI

Quello fra Bakayoko e Gattuso è stato solo uno dei molteplici battibecchi che si sono tenuti nel corso della storia della Serie A, e non solo, fra allenatori e giocatori. Scopriamo insieme quelli più noti dell’epoca moderna. Andiamo in ordine cronologico e riavvolgimento il nastro fino al 2006, e ancora una volta siamo in casa Milan. Memorabile divenne all’epoca un battibecco fra l’allora tecnico rossonero, l’attua allenatore del Napoli, Carlo Ancelotti, e il centrocampista Clarence Seedorf. I due hanno vinto tantissimo assieme, ma qualche volta hanno anche litigato, come durante un famoso Livorno-Milan al Picchi. In occasione di quel match l’allenatore parlò da bordo campo con Seedorf, fornendogli qualche informazione tattica, ma l’olandese apparve evidentemente stizzito, dicendogli: «Non puoi lamentarti sempre». La replica di Ancelotti fu gelida: «Sei in campo solo perché ho finito i cambi, altrimenti vedi dove andavi».

BAKAYOKO-GATTUSO E NON SOLO: LE 5 RISSE PIU’ NOTE

Passano sei anni e arriviamo al 2012, in quella che forse è a tutt’oggi la rissa più clamorosa del campionato italiano fra allenatore e giocatore, quella fra Delio Rossi, all’epoca allenatore della Fiorentina, e del calciatore della Viola Adem Ljajic. L’allenatore tolse il serbo dal campo, ma questi non la prese bene, i due iniziano a litigare fino a che il riminese non scese in panchina e sferrò un pugno al suo calciatore: solo lo staff fermerà la furia dell’allenatore. Passa un anno, siamo nel 2013, e vennero alle mani Mario Balotelli e Roberto Mancini. Fra l’attuale commissario tecnico della nazionale italiana e il bomber di casa Marsiglia c’è sempre stato un rapporto di odio e amore. I due all’epoca del Manchester City litigarono molto, e durante un allenamento si spintonarono un po’ dopo un rimprovero dello jesino nei confronti di Super Mario.

BONUCCI-ALLEGRI E TOTTI-SPALLETTI

Voliamo al 2017 e arriviamo ad un battibecco che in realtà è rimasto più dietro le quinte ma che ha fatto tanto clamore, quello fra l’attuale allenatore della Juventus, Massimiliano Allegri, e il centrale di difesa bianconero, Leonardo Bonucci. Al termine di Juventus-Palermo, nel febbraio di due anni fa, i due iniziarono a litigare animatamente, e qualche giorno dopo, per la trasferta Champions di Oporto, Bonucci venne clamorosamente mandato in tribuna per scelta disciplinare. Durante il match le telecamere indugiarono più volte sul calciatore, seduto su uno sgabello: «Avevo il mio posto a sedere – racconterà a fine gara – ma vivo le partite in maniera troppo nervosa e per quello che mi sono allontanato e ho preso uno sgabello. È stata la mia rovina». Infine l’ultimo scontro noto scontro fra allenatore e giocatore, quello del 2018 fra Luciano Spalletti e Francesco Totti. I due non hanno mai avuto un rapporto idilliaco ma dopo l’autobiografia del Pupone, in cui lo stesso non le mandò a dire al tecnico di Certaldo, esplose la rabbia di Spalletti che escluse il numero 10 dai convocati: un paio di mesi dopo i due vennero addirittura alle mani nello spogliatoio, o almeno così si mormora.