CONDIVIDI
Keita, Inter
MILAN, ITALY – NOVEMBER 24: Keita Balde of FC Internazionale celebrates after scoring the opening goal during the Serie A match between FC Internazionale and Frosinone Calcio at Stadio Giuseppe Meazza on November 24, 2018 in Milan, Italy. (Photo by Marco Luzzani – Inter/Inter via Getty Images)

Keita Balde, attaccante sbarcato in casa Inter durante il calciomercato della scorsa estate, sta vivendo una stagione decisamente sottotono. Il club nerazzurro aveva grandi aspettative nei confronti del calciatore di proprietà del Monaco, sbocciato nella Lazio, ma complice una serie continui di acciacchi fisici il suo rendimento in campo non è mai stato a livelli esaltanti. E c’è qualcuno che punta il dito nei confronti de Le Iene, nota trasmissione di Italia Uno in onda tutte le domenica e i martedì in prima serata. Pare infatti che uno scherzo escogitato dal programma Mediaset ai danni proprio del calciatore nato in Spagna ma di origini senegalesi, abbia compromesso le già precarie condizioni fisiche dello stesso. L’indiscrezione è riportata stamane dall’edizione online de La Gazzetta dello Sport, che fornisce ulteriori dettagli su questa vicenda senza dubbio particolare .

KEITA, INFORTUNIO COLPA DE LE IENE?

Pare che lo scherzo sarebbe stato architettato ad hoc lo scorso 17 febbraio, in compagnia della splendida fidanzata, la giovane Simona Gualieri. Le Iene avrebbero attirato Keita in una trappola in un hotel di lusso di Milano, ma lo scherzo avrebbe preso una piega poco gradita. Non si sa cosa sia successo nel dettaglio, ma la Rosa scrive: «attimi concitati, forse troppo pure per il fisico di Keita che fila via dall’hotel». La cosa certa è che lo scherzo non è andato a buon fine, forse per qualche atteggiamento sbagliato di una delle due parti in gioco, fatto sta che l’esterno d’attacco non ha voluto firmare la liberatoria e di conseguenza il filmato non è mai andato in onda. Il giorno dopo, riporta sempre l’edizione online della Gazza, il giocatore è stato sottoposto a degli accertamenti ad Appiano Gentile che hanno evidenziato una situazione fisica peggiorata.

RITORNO A MONACO A FINE STAGIONE

I tempi di recupero si sono così allungati inspiegabilmente, come ha fatto anche capire Luciano Spalletti durante la sfida successiva alla gara di Europa League con il Rapid di Vienna: «Keita? Pensavamo di averlo già a disposizione, purtroppo non è così, non so dire quando tornerà». Il calciatore rientrerà nel gruppo dei convocati soltanto il 10 marzo, 20 giorni più avanti, e il 14 marzo scenderà in campo per la sfida di coppa contro l’Eintracht di Francoforte, squadra che ha eliminato i nerazzurri dall’Europa League. E pensare che fino al 16 gennaio, un mese prima dello scherzo incriminato, il giocatore sembrava pronto ad una seconda parte di stagione da protagonista, con il gol contro l’Empoli e una prestazione più che convincente. Peccato però che proprio nel corso della sfida contro i toscani arrivò lo stop muscolare e una nuova fermata di altri 20 giorni. A questo punto, alla luce del campionato a dir poco turbolento, sembra davvero difficile che la società nerazzurra decida di riscattare il calciatore al termine della stagione, tenendo conto che dovrebbe versare ben 34 milioni di euro nelle casse del Monaco: l’esperienza bis in Italia di Keita è ormai giunta agli sgoccioli…