CONDIVIDI
Calhanoglu, Fiorentina Milan (Getty Images)
Calhanoglu, Fiorentina Milan

Fiorentina Milan termina con il risultato di una rete a zero per i rossoneri. Una gara piuttosto semplice per i meneghini, frutto anche dell’inferiorità palese degli avversari, forse più psicologica che tecnica, che subiscono la quarta sconfitta consecutiva. Al Milan basta una rete nella prima frazione di gioco, una “spizzata” di testa di Calhanoglu al 36esimo minuto di gioco, per ottenere i tre punti e rimanere così in piena corsa per la zona Champions League. Una Fiorentina che ha provato in realtà a fare qualcosa nella ripresa, trovando comunque un ottimo Gigio Donnarumma, e non riuscendo a fare male agli avversari. Un Milan che si è presentato all’Artemio Franchi di Firenze senza lo squalificato Paquetà, con Suso ala destra, il solito Piatek in mezzo e l’autore del gol sulla corsia di sinistra. In una Firenze gelida per l’accesa contestazione dei tifosi della Viola, lo spagnolo trova la testa del compagno poco dopo la mezz’ora di gioco, facendo calare ulteriormente la temperatura nel capoluogo toscano.

FIORENTINA-MILAN 0-1, VIDEO GOL E HIGHLIGHTS

Esplodono invece di gioia i tifosi rossoneri che si riportano a meno tre dall’Atalanta, ieri vittoriosa in casa contro il Genoa. Grazie ai tre punti ottenuti ieri sera, il Diavolo sale a quota 62, ad una lunghezza di distanza dall’Inter che però ha una partita in meno, e a tre dai bergamaschi. Alla chiusura del campionato mancato 180 minuti, due partite che significano altri sei punti, di conseguenza tutto potrebbe succedere. La sensazione circolante è che il turno chiave sarà il prossimo, visto che i nerazzurri affronteranno la Juventus a Torino, match che potrebbe realmente fare la differenza anche se la Vecchia Signora non ha più nulla da raccontare a questo campionato. Un po’ di rammarico in casa Milan comunque c’è, visto che per diverse settimane il club meneghino è stato tranquillamente nella zona della coppa dalle grandi orecchie prima di perdere punti incredibilmente.

IL COMMENTO DI GATTUSO

«Da gennaio fino a 25 giorni fa eravamo in Champions – ha spiegato Gennaro Gattuso in conferenza stampa dopo la vittoria contro la Fiorentina – poi abbiamo perso tanti punti per strada e per questo c’è rammarico, ma dobbiamo crederci. A inizio stagione se avessimo pensato di stare sopra Roma e Lazio saremmo stati contenti, è normale che ora ci avevamo fatto la bocca e ci avevamo creduto. Ma ci crediamo ancora e non dobbiamo mollare». Il Milan giocherà il prossimo turno a San Siro contro il Frosinone alle ore 18:00 ma non è da escludere che il match venga spostato, visto che la stessa compagine rossonera ha fatto richiesta alla Lega affinché si possa giocare in contemporanea con l’Atalanta, che scenderà in campo alle 20:30 contro la Juventus.