CONDIVIDI
Sinisa Mihajlovic, Atalanta-Lazio (Rai)
Sinisa Mihajlovic, Atalanta-Lazio

La finale di Coppa Italia, Atalanta-Lazio, è stata purtroppo anticipata da una serie di scontri. Nel pre-partita dell’atto conclusivo della Tim Cup 2018-2019, i tifosi nerazzurri e quelli biancocelesti, hanno dato vita ad una serie di atti di vandalismo gratuiti, con un bilancio di cinque ultrà laziali arrestati, almeno una ventina di identificati, e tre auto della polizia municipale date alle fiamme. I gravi episodi si sono verificati attorno alle ore 19:00 di ieri sera, a poco meno di due ore dal fischio di inizio della sfida, e nella tensione pre-match è rimasto coinvolto anche l’allenatore del Bologna, Sinisa Mihajlovic. Il tecnico dei rossoblu si stava dirigendo allo stadio Olimpico per assistere alla finale di Coppa Italia, e all’altezza di Ponte Milvio è stato apostrofato da una persona, un ragazzo con la sciarpa della Lazio, che lo ha chiamato con la parola “Zingaro!”. Mihajlovic non è stato a guardare e si è avvicinato al tifoso prendendolo di petto: solo l’intervento della polizia ha evitato che la situazione degenerasse, e alla fine l’allenatore serbo, romano d’adozione ed ex giocatore proprio della Lazio, è stato applaudito dagli ultras presenti.

ATALANTA-LAZIO, TIFOSO INSULTA MIHAJLOVIC “ZINGARO!” – VIDEO

«Auspico condanne esemplari per i pochi teppisti fermati fino ad ora con bombe carta, petardi, un coltello e fumogeni (con cui hanno dato fuoco a un’auto dei vigili). Questa gente non metterà più piede in uno stadio», le parole del ministro dell’interno, Matteo Salvini, a commento dei disordini di ieri nella capitale, mentre il primo cittadino di Roma, Virginia Raggi, ha telefonato agli agenti della polizia municipale aggrediti, per poi sbottare così sul proprio profilo Faebook: «La misura è colma, servono provvedimenti forti nei confronti di questi barbari, uno dei miei agenti ha rischiato la vita per colpa di un gruppo di idioti». Così infine la presidente del Senato Elisabetta Casellati, in tribuna d’onore all’Olimpico, «queste partite devono essere una grande festa, occasioni di incontro e non di scontro».

MOMENTI DI TENSIONE NEL PRE-GARA

I momenti di tensione, come anticipato già dagli esponenti politici, sono durati circa mezz’ora, con tafferugli, cariche della polizia, lanci di lacrimogeni e l’idrante in azione. Il comandante del XV Gruppo Cassia dei vigili urbani, Ugo Esposito, ha rischiato il linciaggio assieme a suoi tre colleghi, dopo che la loro auto è stata bloccata da una serie di teppisti che hanno anche gettato un bengala all’interno del mezzo occupato dalle forze dell’ordine. Il bilancio è di due feriti, che se la caveranno in pochi giorni, ma che ovviamente hanno passato dei momenti che si ricorderanno per un bel po’. Bruciata un’altra auto dei vigili del fuoco, mentre i bergamaschi hanno distrutto gli arredi di un treno, come riferisce l’edizione online de Il Corriere della Sera, il convoglio che li ha portati da Bergamo alla stazione di Roma-Termini.

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore