CONDIVIDI
Riccardo Montolivo (Getty Images)
MILAN, ITALY – APRIL 21: Riccardo Montolivo of AC Milan in action during the Serie A match between AC Milan and Carpi FC at Stadio Giuseppe Meazza on April 21, 2016 in Milan, Italy. (Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

Riccardo Montolivo ha detto addio al Milan e lo ha fatto da signore, pur togliendosi qualche sassolino dalle scarpe. L’ex capitano rossonero, che forse in pochi fra i tifosi del Diavolo ricordano, ha pubblicato un post sulla propria pagina Instagram, in cui ha scritto: «7 stagioni con questa gloriosa maglia….4 anni con la fascia di Capitano al braccio. Poi…Mi hanno tolto la fascia e non ho fiatato… non ho potuto fare 1 solo minuto in campo e non ho fiatato…non ho avuto la possibilità di salutarvi nel mio stadio e non ho fiatato. Tutto questo fiato risparmiato lo uso per urlare GRAZIE TIFOSI ROSSONERI, grazie da un Capitano e un uomo ferito, ma che continuerà ad andare a testa alta, consapevole di aver fatto sempre ed in ogni ambito il proprio dovere da professionista. Le ferite si cicatrizzano, l’amore per la maglia rimane per sempre…FORZA MILAN». C’è più di un pizzico di amarezza nelle parole dell’ex calciatore della Fiorentina e della nazionale italiana, soprattutto per un’ultima stagione in cui lo stesso non è mai sceso in campo.

RICCARDO MONTOLIVO, ADDIO DOPO 7 ANNI

Ringhio Gattuso, ex allenatore rossonero, non gli ha concesso nemmeno un minuto, e lo stesso Riccardo si domanda giustamente come mai. Del resto la formazione del Diavolo non era di primissimo livello, e forse dare una chance all’ex Viola non sarebbe stato così sbagliato, ma come si dice spesso e volentieri in questi casi, a posteriori è troppo facile parlare… Fatto sta che al 30 giugno di questo mese scadrà il contratto di Montolivo da quattro milioni di euro netti a stagione. Era sbarcato a Milanello nell’estate del 2012, preso dall’ex amministratore delegato del Milan, Adriano Galliani, a costo zero. Dal 2013 al 2017 ha indossato la fascia da capitano, prima che la dirigenza cinese decidesse di togliergli la famosa “C” per consegnarla a Bonucci. Nell’ultima stagione, come detto, non ha giocato nemmeno un minuto nonostante periodi, ricorda La Gazzetta dello Sport, in cui il centrocampo rossonero è stato in sofferenza.

COSA C’E’ SOTTO?

Uno smacco anche il fatto che durante le partitelle infrasettimanali Montolivo veniva spesso e volentieri schierato con la squadra Primavera. Riccardo era diventato una sorta di fantasma, di lui si erano perse le tracce, e davvero in pochi si ricordavano della sua presenza in rosa. Anche durante l’ultima gara della stagione, la sfida contro la Spal a Ferrara, non gli è stata concessa la classica passerella di chi se ne va, nonostante sette anni a Milanello. Gattuso, interpellato nel corso della stagione sull’assenza dell’ex capitano, ha sempre replicato parlando di infortunio o di scelta tecnica «eppure – scrive la Rosa – qualcosa sotto deve esserci per forza, anche perché il Milan è famoso nel mondo come club storicamente impeccabile con i propri tesserati. Lo stesso Montolivo non si è mai pronunciato sull’argomento. Prima o poi la verità verrà fuori».

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore