CONDIVIDI
Romelo Lukaku (Getty Images)
Romelo Lukaku (Getty)

Il nome di Romelo Lukaku sta decisamente animando le cronache di calciomercato di queste ore di casa Inter. Nella giornata di ieri vi abbiamo riportato le vere e proprie dichiarazioni d’amore dell’attaccante della nazionale belga nei confronti del neo-mister nerazzurro, Antonio Conte (“Il miglior al mondo”), e nel contempo, la sua voglia di giocare in Serie A. Il bomber del Manchester United sembrerebbe quindi aver già deciso il suo destino, ma ora bisognerà trovare un’intesa fra le due società, non semplice da raggiungere visto che per i Red Devils, il centravanti di Antwerpen viene valutato attorno agli 80 milioni di euro. Una cifra sicuramente non indifferente, ma come detto sopra, la società di corso Vittorio Emanuele si farà forte della volontà dello stesso calciatore, che pare si sia già promosso ai colori meneghini: «C’è la volontà di Lukaku – ha spiegato il noto giornalista sportivo, Alfredo Pedullà, ai microfoni di Sportitaliache ha dato la sua disponibilità al trasferimento. Il belga ha aperto sulla riduzione dell’ingaggio, attualmente troppo alto per i canoni interisti, dunque quello che poteva essere un ostacolo».

LUKAKU, INTER, MARIANELLA: “UNA VOLTA MI CHIESE…”

Significativo anche il retroscena di uno che Romelo Lukaku lo ha seguito più e più volte, come l’amato cronista di Sky Sport, Massimo Marianella, che parlando negli studi della televisione satellitare ha spiegato: «Le voci sul possibile addio di Lukaku al Manchester United non mi hanno stupito. Quando ho fatto ‘I Signori del Calcio’, alla fine mi chiese: ‘Stasera gioca l’Inter?’, da appassionato di calcio italiano qual è. Ma, se lo leghiamo alle voci di mercato che stanno circolando, forse non era una domanda casuale…». Parole che non possono passare inosservate e che confermano ancor di più la volontà del calciatore ex attaccante dell’Everton, di raggiungere il fratello Jordan in Serie A (è un giocatore della Lazio). Tutto facile direte voi, null’altro, visto che l’idea di Conte di creare una squadra “muscolosa” con l’innesto davanti anche di Dzeko, dovrà appunto scontrarsi con la volontà dello United di trattenere il ragazzo, o comunque di non darlo via a prezzo di saldo.

Romelo Lukaku-Inter su La Gazzetta dello Sport

MA I NUMERI CONTRO LE BIG PREOCCUPANO

C’è da dire, per correttezza di informazioni, che Lukaku non ha così brillato nelle ultime due stagioni, da quando cioè ha messo piede nel mitico Old Trafford. Come sottolineato dai colleghi di Eurosport, infatti, il centravanti 26enne ha segnato una sola rete contro una big in Premier League, leggasi il gol contro il Chelsea all’Old Trafford, risalente alla sfida del 25 febbraio dell’anno scorso, null’altro. Situazione molto simile nelle coppe, dove Lukaku, oltre alla doppietta contro il Paris Saint Germain durante la sfida di quest’anno valevole per il ritorno degli ottavi di finale, ha segnato un gol “inutile” contro il Real Madrid in occasione della Supercoppa Europea del 2017, persa dal Manchester United. La situazione non cambia se si vanno ad analizzare i gol “pesanti” con la nazionale, dove anche in questo caso il buon Lukaku latita. Dal 2014 in avanti, nelle fasi finali di Europei e Mondiali, il centravanti del Belgio ha segnato solo contro gli Stati Uniti, gara valevole per gli ottavi di finale del campionato del mondo in Brasile di cinque anni fa.

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore