CONDIVIDI

Con Maurizio Sarri ufficialmente nuovo allenatore della Juventus, iniziano a emergere i primi retroscena, e probabilmente la verità, riguardanti Pep Guardiola. Dell’argomento ne ha parlato stamane il quotidiano Tuttosport, storicamente molto vicino all’ambiente bianconero, che ha raccontato di contatti avvenuti fra i vertici di corso Galileo Ferraris e il tecnico catalano durante l’inizio della primavera. Nel dettaglio pare che il primo approccio sia stato provato a marzo 2019, quando il futuro della panchina non era ancora certo, visto che non si sapeva se Massimiliano Allegri avrebbe proseguito la sua esperienza a Vinovo o meno. Fatto sta, che stando a quanto sostiene il quotidiano torinese, Guardiola disse subito no: forte di un contratto a scadenza 30 giugno 2021, avrebbe proseguito il suo lavoro fra le fila del Manchester City.

JUVENTUS, GUARDIOLA: UN SONDAGGIO IN PRIMAVERA MA…

Per correttezza di informazioni, va detto che non si è trattato di un vero e proprio approccio concreto quello della Juventus per l’ex Bayern, ma più che altro di un sondaggio esplorativo: incassato il “no grazie”, la Vecchia Signora si è subito tirata indietro, dedicandosi ad altri tecnici. Fra gli allenatori sondati nelle ultime settimane, anche Simone Inzaghi e Sinisa Mihajlovic, nomi emersi in effetti lo scorso mese di maggio. Ma sia il tecnico della Lazio quanto quello del Bologna hanno deciso di proseguire la propria esperienza con le proprie squadre, prolungando il loro contratto. Diverso invece il discorso per Didier Deschamps, ex tecnico della Juventus in Serie B, nonché attuale commissario tecnico della nazionale francese: come Guardiola, ha subito rimandato al mittente la proposta, pronto a proseguire il proprio ruolo alla guida della selezione campione del mondo almeno fino al prossimo campionato europeo di calcio.

Maurizio Sarri, Juventus
Maurizio Sarri: l’annuncio sul sito ufficiale Juventus

SARRI LA PRIMA SCELTA

Ma la prima scelta è sempre stata quella di Maurizio Sarri, l’attuale neo-tecnico della Juventus, contattato nelle prime due settimane di maggio, e prima ancora che lo stesso alzasse al cielo l’Europea League con il Chelsea. Quella di puntare sul tecnico toscano è una scelta che forse ha lasciato un po’ di amaro in bocca ai tifosi bianconeri, ma la sensazione circolante è che meglio di così non si poteva fare, anche perché l’ex Napoli è un maestro del bel calcio e a Londra ha fatto un’esperienza di un anno molto importante, in cui tra l’altro ha imparato in maniera egregia anche la lingua inglese. Sarri giunge a Torino fra mille polemiche visto il suo recente passato da “nemico” partenopeo, ma come detto poco fa, viene da una vittoria importante oltre confini, e dal record di punti assoluto a Napoli, cosa che neanche Ancelotti ha saputo eguagliare.

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore