CONDIVIDI
Maldini Gazidis (Getty Images)
during the Italian Supercup match between Juventus and AC Milan at King Abdullah Sports City on January 16, 2019 in Jeddah, Saudi Arabia.

Il Milan giocherà l’Europa League durante la prossima stagione? Una domanda a cui potremo rispondere nelle prossime ore, molto probabilmente nel pomeriggio/serata di oggi. E’ infatti atteso il verdetto dell’Uefa in merito al percorso di rientro della società di via Aldo Rossi nei parametri del Financial Fair Play, dopo i paletti fissati un anno fa circa di questi tempi. E’ attesa per oggi la decisione ufficiale del board della federazione europea e secondo quanto sostenuto dai colleghi del Corriere dello Sport l’ipotesi paventata dal Milan negli scorsi giorni, leggasi l’esclusione dall’Europa League per la prossima stagione, con l’aggiunta di un altro anno per poter rientrare nei parametri stabiliti, non sembrerebbe piacere ai vertici dell’Uefa, visto che creerebbe un precedente che andrebbe oltre i principi della giustizia sportiva.

MILAN FUORI DALL’EUROPA LEAGUE? DUE I POSSIBILI SCENARI

Nella giornata di ieri, martedì 18 giugno 2019, a Nyon si sono incontrati gli uomini del CCFB e gli avvocati del Milan, e al momento sembrerebbe essere due le ipotesi plausibili: oltre a quella già indicata sopra, esclusione dalle Coppe per la stagione 2019-2020, e percorso triennale di rientro dal primo luglio 2019 al 30 giugno 2022, ci sarebbe la possibilità di un accordo sul ricorso al TAS, facendo comunque slittare il termine per il rientro al 2022, andando poi a giudizio davanti all’organo giudicante per il triennio 2015-2018. Al Milan tutto sommato andrebbe anche bene così, visto che fare una stagione senza Europa League non sarebbe un gran crimine calcistico, anche perché si sa che quasi tutte le squadre italiane “snobbano” la seconda coppa europea, ed inoltre, la competizione toglie moltissime energie per il fatto di giocare il giovedì sera, a ridosso del turno di campionato del weekend.

TORINO E ROMA IN ATTESA

Nel caso in cui alla fine il Milan venisse escluso dalla manifestazione in questione, potrebbe prendere il suo posto il Torino, visto che non si tratterebbe di un’esclusione volontaria. Toro che tra l’altro venne ripescato già nella stagione 2014-2015 a seguito del fallimento del Parma calcio. A incrociare le dita è anche la Roma, visto che, nel caso in cui i rossoneri venissero estromessi dall’Uefa, la società giallorossa si qualificherebbe direttamente alla fase a gironi, evitando i fastidiosi preliminari di Europa League che iniziano a luglio. «Se stiamo pensando ad un’ipotetica sentenza Uefa per il Milan? – le parole rilasciate recentemente dal presidente del Torino, Urbano Cairoadesso aspettiamo di vedere se accadrà qualcosa nei prossimi giorni. Noi attendiamo e vediamo». Non ci resta quindi che attendere la sentenza definitiva che potrebbe arrivare stasera o tutt’al più slittare a domani.

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore