CONDIVIDI
Marchi tedeschi
Marchi tedeschi (Foto dal web)

In Germania circolano ancora i marchi tedeschi. Il governo teutonico non ha infatti vietato l’utilizzo della nota moneta di casa, permettendo appunto ancora oggi il pagamento senza utilizzare l’euro. Secondo alcune stime pari che nei caveau o comunque nei cassetti dei comò di numerose abitazioni di Germania, versino oggi circa 13 miliardi di marchi, che tramutati in euro fanno più o meno sei miliardi e mezzo. Il cambio è infatti pari a 1 euro=1.95 marchi (più o meno quello adattato con la Lira e l’Euro), e di conseguenza è facile ottenere l’enorme cifra di cui sopra. Grazie alla mancata abolizione del marco, la Germania può godere di un enorme potere di acquisto, nonché un incentivo in più per far “girare” l’economia. Di tutt’altro vedute è stata invece l’Italia, che forse un po’ troppo frettolosamente ha deciso di togliere definitivamente le lire dal mercato al 31 dicembre 2011.

I MARCHI TEDESCHI, IN ITALIA LA LIRA E’ INUTILIZZABILE

La conseguenza è che tutte le Lire rimaste nei cassetti, nonchè eventuali “tesori” trovati nelle cassette di sicurezza, sono da tempo inutilizzabili, con tutto ciò che ne consegue. Così facendo, infatti, si è privata la popolazione italiana di moneta che sarebbe stata messa in circolo, e che avrebbe permesso allo stesso possessore di acquistare dei beni, e al venditore di ottenere un profitto. Inutile rimuginarci sopra più di tanto, ormai le Lire sono solo un lontano, bello e sbiadito ricordo, che quasi sicuramente non torneranno mai più a circolare nel sistema economico del Belpaese, nonostante minacce di uscita dall’Euro più o meno quotidiane. Il caso della Germania non è comunque così unico come potrebbe sembrare. Sono infatti diverse le nazioni che permettono ancora i pagamenti tramite le vecchie banconote, precisamente Austria, Estonia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Slovacchia e Slovenia.

NUMEROSE INIZIATIVE PRO-MARCO

Tornando alla Germania, sono numerose gli “eventi” commerciali organizzati soltanto nell’ultimo periodo da parte dei tedeschi in favore della vecchia moneta. Ad esempio la catena internazionale di abbigliamento C&A ha promosso l’iniziativa “D-Mark”, per pagare appunto con il marco. Herbie, invece, regala buoni acquisto da spendere sul proprio sito in cambio dei tanto amati marchi: “L’offerta ha molto successo – fanno sapere – e non abbiamo motivo di interromperla”. Numerose anche le iniziative locali, come ad esempio quella realizzata a Gaiberg a maggio di un anno fa, quanto fu possibile pagare per un’intera giornata con il vecchio marco, mentre a Rinteln si è tenuta la “D-Mark Action”: per tutto il mese di marzo 2018, venne organizzato un mercatino dove si poteva pagare solo con il marco.

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore