CONDIVIDI
Icardi, Inter roma
Mauro Icardi (Getty Images)

E se alla fine Mauro Icardi lasciasse l’Inter per trasferirsi al Milan? La notizia sta circolando timidamente in queste ultime ore, nella fase conclusiva di un calciomercato estivo che ha regalato diversi colpi di scena. Il club rossonero si è messo in coda a Napoli, Roma e Juventus per assicurarsi l’ex capitano nerazzurro, da ormai diversi mesi col broncio e divorziato in casa. Operazione possibile? La risposta è sì, ma resta senza dubbio complessa per vari motivi, a cominciare dalla rivalità fra il Milan e l’Inter, due cugine della stessa città. Nel caso in cui alla fine il numero 9 della nazionale argentina sbarcasse nella sponda indiavolata del Naviglio, non si tratterebbe comunque della prima operazione di mercato fra le due società meneghine. La storia è infatti stracolma di trattative fra i due club, alcune fortunate per i rossoneri, altre, un po’ meno.

ICARDI AL MILAN? ALL’INIZIO FU MEAZZA…

Si iniziò addirittura agli albori del calcio, quando Peppino Meazza, il giocatore a cui poi venne intitolato lo stadio di Milano, lasciò l’Inter per sbarcare appunto dall’altra sponda ambrosiana. Lasciando i tempi che furono e venendo all’epoca moderna, negli anni duemila, quando il Milan trionfava in Europa e l’Inter arrancava, furono numerosi gli scambi fra i due club, molti dei quali, argomento di sfottò, soprattutto dei tifosi rossoneri nei confronti dei cugini. Basti pensare che il Diavolo europeo di Ancelotti si fondò di fatto proprio su due ex nerazzurri come Andrea Pirlo e Clarence Seedorf, che l’Inter si fece sfuggire troppo frettolosamente, soprattutto il primo. E pensare che la loro accoglienza al Milan non fu delle migliori, in particolare nei confronti dell’olandese, con i tifosi rossoneri che gli diedero il benvenuto a Milano dicendogli “Tornatene all’Inter”. Supporters che solo poco tempo dopo capirono il grande affare che aveva fatto la società amata, tenendo conto che Seedorf e Pirlo furono scambiati per Guglielminpietro e Coco.

VIERI, PAZZINI, GANZ

Da quella clamorosa operazione c’è comunque da dire che l’Inter inizi a farsi più scettica nel girare giocatori al Milan, e di fatto vennero concretizzare operazioni minori, come ad esempio gli scambi Simic-Umit e Brocchi-Brncic. Degna di nota fu comunque l’operazione Pazzini-Cassano, più per il clamore mediatico comunque (FantAntonio sparò a zero sul Milan) che per le conseguenza tecnico-sportive. Fu invece poco fortunato lo sbarco a Milanello, via Appiano Gentile, di Bobo Vieri, che pochi mesi dopo aver indossato la maglia del Milan lasciò per sempre il capoluogo lombardo per sbarcare nel Monaco, in Francia. Infine, da segnalare l’operazione Maurizio Ganz, che risultò utilissimo per il famoso scudetto di Zaccheronni del 1998-1999, e che giunse al Milan proprio dall’Inter.

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore