CONDIVIDI
Brahim Diaz, Real Madrid (Getty Images)

Il Milan starebbe pensando a Brahim Abdelkader Diaz, giovane talento di proprietà del Real Madrid. Classe 1999, 20 anni compiuti lo scorso 3 agosto, l’esterno d’attacco, all’occorrenza anche trequartista, è finito sul taccuino dei rossoneri, in cerca di un nuovo innesto per il reparto più avanzato. Ma chi è questo gioiello che potrebbe lasciare le Merengues dopo appena sei mesi? Già perché l’eventuale sbarco di Diaz a Milanello giungerebbe dopo che lo scorso gennaio il Real aveva acquistato lo stesso calciatore dal Manchester City in cambio di un assegno da circa 17 milioni di euro. Inizialmente si pensava che potesse sbarcare a costo zero in Castiglia, ma alla fine la squadra di Florentino Perez ha deciso di investire pesantemente su di lui, chiaro indizio delle sue qualità sopraffine. Probabilmente il Real Madrid si era innamorato di Diaz nel 2017, durante una sfida di International Champions Cup contro il Manchester City, in cui lo stesso segnò uno splendido gol all’incrocio.

BRAHIM DIAZ AL MILAN: IL TALENTO DI CRISTALLO

C’è però da dire una cosa, se la tecnica è sopraffina e la personalità è importante per un giovane di soli 20 anni, il fisico non sembrerebbe essere all’altezza. In Spagna, infatti, in molti lo hanno già ribattezzato “l’uomo di cristallo”, alla luce dei suoi continui infortuni di natura muscolare, problemi che storicamente un calciatore si porta dietro per tutta la carriera. Basti pensare infatti che il ragazzo in questa estate non è praticamente mai riuscito a mettere piede in campo, infortunandosi a metà luglio, un problema alla coscia, per poi bloccarsi nuovamente alla coscia, a fine agosto. Morale della favola, sarà fermo ai box fino alla fine del mese di settembre, con la speranza che la sua guarigione questa volta sia definitiva.

UN AFFARE O UN RISCHIO?

Difficile capire se il Milan possa compiere un azzardo, andando ad acquistare questo giovane calciatore spagnolo di origini marocchine, o se invece farà il grande affare (l’offerta sarebbe pari a 20 milioni di euro). L’anno scorso è stato utilizzato poco in stagione, solo 11 presenze in Spagna, condite da un gol e due assist, e il futuro appare molto incerto, alla luce appunto dell’estate passata pressoché in infermeria. Eppure, per molti, si tratta di un predestinato, un giocatore il cui futuro sarà più che roseo, e se non al Real Madrid o al Milan, sicuramente in qualche altra big del Vecchio Continente. Diaz nasce calcisticamente nel Malaga, dove ha giocato fino a che aveva 14 anni, per poi trasferirsi in Inghilterra, sponda Manchester City, dove vi è appunto rimasto fino allo scorso mese di gennaio. Come mai i Citizens lo hanno ceduto senza fin troppa opposizione? Molte domande a cui ora come ora è complicato rispondere

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore