CONDIVIDI
Zlatan Ibrahimovic
Zlatan Ibrahimovic (Getty Images)

Compie oggi gli anni Zlatan Ibrahimovic. La stella d’attacco dei Los Angeles Galaxy, che in passato ha indossato le casacche di Manchester United, Paris Saint Germain, Milan, Inter, Juventus, Ajax e Malmoe, spegne oggi le 38 candeline. Un bomber di razza, un campionissimo assoluto che ha sempre parlato in campo con le reti, ma anche lontano dal rettangolo di gioco, con le sue perle entrate di diritto negli almanacchi calcistici. Ibra non ha vinto tanto a livello internazionale, ma ha collezionato montagne di gol, fra cui perle di rara bellezza. E nella sua lunga carriera è potuto scendere in campo al fianco di campionissimi di livello assoluto, a cominciare da Gigi Buffon, il guardiano che lo stesso bomber svedese ha messo in porta nella sua personale top 11 e che nella sua biografia definisce “Il portiere più forte al mondo”. A schermo della rete spazio ad un centrale di assoluto livello, altra conoscenza del calcio italiano, leggasi Lilian Thuram “Non un gigante, ma duro come il marmo”, affiancato da due ex milanisti come Alessandro Nesta e Thiago Silva.

ZLATAN IBRAHIMOVIC, LA TOP 11: IL CENTROCAMPO

Per Ibra il brasiliano resta Il difensore più completo con cui abbia mai giocato”, mentre di Nesta scrive: “Il maestro di Thiago Silva: completo a livello tecnico e psicologico, con una mentalità da vincente vero”. A completare il reparto arretrato l’amico da una vita, quel giocatore che ha condiviso con Ibra le maglie di Inter, Barcellona, Ajax e Psg, leggasi Maxwell:È il giocatore più elegante con cui abbia mai giocato: impareggiabile per finezza e tecnica”. Passiamo quindi a centrocampo dove non può mancare un altro mastino come Viera, con cui Ibra ha giocato in nerazzurro e a Torino: “il compagno che maggiormente ha influenzato il mio gioco. Al fianco del francese spazio ad uno dei più grandi di sempre, leggasi Xavi “Mister Perfect”, perché non sbagliava mai, con l’aggiunta di Nedved, attuale vicepresidente Juventus (“Una macchina, non ho mai visto un professionista più serio”).

IL TRIDENTE D’ATTACCO E LA PANCHINA

Infine il tridente d’attacco, a cominciare da Lionel Messi, che Ibra definisce “Il miglior giocatore di ogni tempo”. Insieme alla Pulce spazio a Ronaldinho “Un genio”, per completare poi il tridente con una sorpresa… lo stesso Ibra: “Di lui non c’è bisogno che dica niente – commenta il centravanti dei Los Angeles Galaxy – se non lo conosci, basta leggere questo libro”. Ibra non si è limitato a scegliere la top 11, ma ha aggiunto anche quattro panchinari, leggasi l’Illusionista ex Barcellona, Andres Iniesta, il difensore della Juventus, Fabio Cannavaro, e i due ex milanisti Clarence Seedorf e Gennaro Gattuso “Forse non il miglior calciatore al mondo – scriveva Ibra di Ringhio, ex allenatore del Milan – ma in grado di spingere gli altri a dare il 200 per cento”.

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore