CONDIVIDI
Kevin Prince Boateng and Melissa Satta pose on the red carpet of the 2015 MTV Europe Music Awards (EMA) at Mediolanum Forum on October 25, 2015 in Milan. AFP PHOTO / GIUSEPPE CACACE (Photo credit should read GIUSEPPE CACACE/AFP/Getty Images)

Mohamed Buya Turay attaccante della Sierra Leone è salito alla ribalta delle cronache nelle ultime ore per via del suo infortunio particolare. Stando all’intervista rilasciata dallo stesso, pare infatti che il giocatore sarebbe stato vittima di una magia nera per distruggere la sua carriera. In poche parole, Buya Turay, 24enne centravanti del Djurgarden (Svezia), avrebbe calpestato un oggetto magico: “Ho iniziato a sentire dolore al piede in albergo – ha spiegato il ragazzo alla BBC così ne ho parlato con il fisioterapista della squadra che non riusciva a capire cosa avessi, e intanto il dolore aumentava col passare delle ore”. A quel punto il giocatore ha contattato il medico di famiglia che gli ha dato il “mistico” responso: “Per lui l’infortunio era dovuto al fatto che avessi calpestato un oggetto spirituale al campo d’allenamento, messo lì da una persona che voleva lo calpestassi per distruggermi la carriera. Il medico mi ha anche detto che se fossi andato in ospedale servendomi della medicina convenzionale sarei stato costretto a ritirarmi”.

BUYA TURAY E NON SOLO: NESTA, MEXES, FREY…

In attesa che Buya Turay guarisca e si rimetta in sesto, andiamo a scoprire assieme alcuni degli infortuni più assurdi della storia recente del calcio, vissuti anche da calciatori ben noti, a cominciare da Carlitos Tevez, attuale attaccante del Boca Juniors, che nell’estate del 2009, quando passò dallo United al City, scivolò in bagno infortunandosi in maniera abbastanza seria la caviglia. Gary Medel, ex calciatore dell’Inter ora al Bologna, fece invece nell’ottobre del 2015 una scorpacciata di cozze che lo portarono ad intossicarsi, saltando anche due match. Nel 2001 fu la volta dell’ex portiere Sebastian Frey, che subì un trauma cranico serio dopo essersi tuffato in una piscina semi-vuota durante le vacanze. Mexes, nel novembre 2013, quando giocava nel Milan, dovette invece stare fermo due giornate a causa di una scottatura dovuta ad una lampada abbronzante, mentre nell’ottobre del 2005, sempre un difensore rossonero, Alessandro Nesta, dovette operarsi alla mano per le troppe ore spese con i videogiochi. Infine ricordiamo i casi di Higuain, che si infortunò a Capri dopo essersi tuffato da una barca ed essere finito sullo scoglio, nonché Boateng, che nel gennaio 2012 dovette rifiatare qualche giorno a causa delle sue esagerate performance a letto. La sua fidanzata, Melissa Satta, spiegò infatti che i due lo facevano in media dalle 7 alle 10 volte a settimana…

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore