Terrore in casa Aubameyang: i ladri lo minacciano con la pistola e lo aggrediscono

Notte di terrore per Aubameyang, attaccante del Barcellona che è stato aggredito e rapinato a casa sua: il racconto shock dei media spagnoli

Una notte da incubo è stata quella appena trascorsa per Pierre-Emerick Aubameyang. L’attaccante del Barcellona, che ieri è rimasto in panchina per tutto il match contro il Valladolid, è stato aggredito da alcuni malintenzionati in casa propria. Una notte di terrore per il giocatore gabonese e sua moglie Alysha Behague, che sono stati minacciati e poi rapinati.

Furto in casa per Aubameyang
Aubameyang © LaPresse

A raccontare il brutto episodio i media spagnoli. Secondo la ricostruzione di ‘El Pais’, è successo tutto all’una di notte, quando almeno quattro uomoni si sarebbero introdotti nel giardino della casa di Aubameyang a Castelldefels, a Barcellona. Poi, una volta entrati in casa, i rapinatori lo avrebbero minacciato con armi da fuoco e sbarre di ferro, con cui lo avrebbero anche picchiato, come raccontano fonti della polizia. Poi i malviventi hanno continuato a minacciare l’attaccante blaugrana e la moglie con le armi mentre cercavano di aprire la cassaforte.

Incubo Aubameyang: aggredito dai ladri con sbarre di ferro

Furto in casa per Aubameyang
Aubameyang © LaPresse

I tentativi sono poi andati a segno e hanno prelevato diversi gioielli, fuggendo poi – secondo i testimoni – a bordo di un’Audi A3 bianca. I Mossos, corpo di polizia catalana che svolge funzioni di investigazione, intelligence e hanno squadre di intervento rapide, stanno indagando sugli autori dell’aggressione e ovviamente della rapina. A denunciare l’accaduto sarebbe stata la moglie di Aubameyang, Alysha, con cui l’attaccante ha avuto due figli, Kurtys (11 anni) e Pierre (6 anni).

Un episodio atipico: furti nelle case dei calciatori sono purtroppo molto frequenti, ma avvengono solitamente durante le partite quando i giocatori sono appunto in campo o allo stadio. Stavolta, purtroppo, non è stato così e il bomber del Barcellona, di cui si sta parlando spessissimo in chiave mercato per la trattativa con il Chelsea che però non è andata in porto, ha dovuto temere per la propria incolumità e della sua moglie. Nel 2018 al Barcellona la polizia catalana aveva dovuto investigare sul furto in casa di Jordi Alba, che però fortunatamente non era presente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.